Schede Film

Stampa

Il vento fa il suo giro (2007)

Regia: Giorgio Diritti
sceneggiatura: Giorgio Diritti, Fredo Valla
fotografia: Roberto Cimatti
musica: Marco Biscarini, Daniele Furlati
montaggio: Edu Crespo, Giorgio Diritti
Interpreti: Thierry Toscan (Philippe), Alessandra Agosti (Chris), Dario Anghilante (Costanzo, il sindaco), Giovanni Foresti (Fausto), Emma Giusiano, Sergio Piasco.
Produzione: Simone Bachini, Mario Chemello, Giorgio Diritti per Arancia Film
durata: 110'.

 

 

 

Sinossi: Cherlasco è un paesino sulle Alpi Occitane italiane abitato ormai solo da persone anziane che sopravvivono grazie ad un po' di turismo estivo. Una ventata di novità arriva quando un ex professore francese vi si trasferisce con la sua famiglia per vivere da pastore e avviare un'attività casearia. I nuovi arrivati e la loro impresa risvegliano negli abitanti sentimenti contrastanti e l'integrazione si rivelerà difficile, addirittura drammatica.

Stampa

L'Orchestra di Piazza Vittorio (2007)

Regia: Agostino Ferrente
sceneggiatura: Agostino Ferrente, Francesco Piccolo, Mariangela Barbanente, Massimo Gaudioso
fotografia: Greta De Lazzaris, Alberto Fasulo
Interpreti: Mario Tronco, Agostino Ferrente, Dina Capozio, Mohammed Bilal, Houcine Ataa, Carloz Paz, Rahis Bharti, Ziad Trabelsi, Omar Lopez Valle, Raul Schebba, Pap Yeri Samb, John Maida, Pino Pecorelli, Peppe D'argenzio, Marian Serban, Amrit Hussain, Gaia Orson
Produzione: Bianca Film, Lucky Red, Piurat M.C.
Durata: 93'

Sinossi: il film racconta la genesi dell'Orchestra di Piazza Vittorio, la banda musicale nata per iniziativa di Mario Tronco, il tastierista degli Avion Travel, e di Agostino Ferrente. Nel quartiere di Piazza Vittorio, a Roma, si intrecciano le storie di vita di ragazzi arrivati da ogni parte del mondo in cerca di nuove opportunità.

 

Stampa

Notturno Bus (2007)

Regia: Davide Marengo
sceneggiatura: Giampiero Rigosi, Fabio Bonifaci
fotografia: Arnaldo Catinari
scenografia: Anna Forletta
musica: Gabriele Coen, Mario Rivera
montaggio: Patrizio Marone
Interpreti: Giovanna Mezzogiorno (Leila), Valerio Mastandrea (Franz), Ennio Fantastichini (Matera), Anna Romantwoska (Sonia), Roberto Citran (Diolaiuti), Francesco Pannofino (Garofano), Ivan Franek (Andrea), Mario Rivera (Titti), Antonio Catania (Bergamini), Marcello Mazzarella
Produzione: Sandro Silvestri, Maura Vespini per Emme, Rai Cinema
Durata: 104'

Sinossi: Franz e Leila si incrociano per un assurdo scherzo del destino. Lei è una ladra affascinante e impenitente, lui un artista d'autobus annoiato, depresso e con un inguaribile vizio del gioco. La coppia dovrà cavarsela in una serie di situazioni grottesche e pericolose, ma forse la fortuna si metterà finalmente sulla loro strada.

Stampa

Giorni e nuvole (2007)

REGIA: Silvio Soldini
SCENEGGIATURA: Doriana Leondeff, Francesco Piccolo, Federica Pontremoli, Silvio Soldini 
ATTORI: Margherita Buy, Antonio Albanese, Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston 
FOTOGRAFIA: Ramiro Civita
MONTAGGIO: Carlotta Cristiani
MUSICHE: Giovanni Venosta
PRODUZIONE: Lumière & Co., Amka Films Productions
DISTRIBUZIONE: Warner Bros. Pictures Italia
PAESE: Svizzera, Italia 2007 - 116' - Colore

 

Sinossi: La storia di Elsa e Michele, una coppia colta e benestante. Hanno una figlia ventenne, Alice, e una serenità che ha permesso a Elsa di lasciare il lavoro e coronare un antico sogno: laurearsi in storia dell'arte. Ma è subito dopo questo evento che la loro vita cambia. Michele confessa di non lavorare da due mesi e di essere stato estromesso dalla società che lui stesso aveva creato anni prima. E non è tutto: la casa in cui abitano è in vendita, i soldi in banca sempre meno… Per Elsa è un fulmine. Ma superato lo shock, è lei a fronteggiare la crisi con maggiore energia, mentre Michele, sfiancato da un'infruttuosa ricerca di lavoro, si lascia andare alternando slanci e apatia. La distanza tra loro cresce fino a portarli a una rottura. Solo a questo punto, nel momento dell'assenza, capiranno che rischiano di perdere la loro più preziosa ricchezza: l'amore che li unisce. Il futuro per Elsa e Michele sarà nuovo e sconosciuto, ma magari anche migliore.